Genefood: Test di predisposizione ai dismetabolismi

   

Vai il sito www.genefood.it

 

Quante volte vi siete chiesti:

  • perchè una persona mangia molto più di me e non ingrassa?
  • perchè ad un individuo, che si nutre di soli carboidrati e zuccheri, non cresce la glicemia mentre ad altri, che non ne assumono, si manifesta talvolta addirittura un diabete?
  • quante splendide ragazze, attente alla propria dieta, combattono quotidianemente con la cellulite, il pancino o i fianchi prominenti, mentre altre pur permettendosi un’alimentazione disinvolta, non accumulano grasso in certe parti del corpo?

Tutto questo, e molto altro, è scritto nel nostro DNA! Sapendolo si può prevenire con un’alimentazione corretta evitando i cibi per i quali questi dismetabolismi divengono più aggressivi e si alterano anche i parametri ematochimici.

Lo studio genetico va ad esaminare tutte quelle mutazioni e quei polimorfismi individuali che ci rendono particolarmente soggetti ad accumulare peso, fa salire i valori del colesterolo, trigliceridi, glicemia, alterare il metabolismo delle proteine. Errori genetici che possono portare a patologie addirittura invalidanti come la gotta o l’osteoporosi oppure, in altri casi , predisporre all’insorgenza del diabete o di altre patologie croniche.
Uno studio completo di tutte quelle modificazioni genomiche che alterano i vari meccanismi metabolici è oggi possibile!

Se questa analisi è sufficientemente accurata ed approfondita, lo specialista medico, internista o dietologo, sarà in grado di operare conoscendo gli errori genetici nei quali sarà giusto applicare la prevenzione primaria sulla base di alimentazioni specifiche, attivatori metabolici, opportune impostazioni nutrizionali. Tutto questo permetterà certamente di salvaguardare l’individuo dall’insorgenza o dall’aggravarsi delle patologie di cui sopra si è detto.

 

Nel Laboratorio di genetica ALTAMEDICA si eseguono gli esami più moderni e con le apparecchiature le più avanzate.

In pratica i test vengono eseguiti con le tecnologie più approfondite e raffinate oggi possibili.  Si utilizzeranno infatti le apparecchiature  e le metodologie più recenti, innovative e costose che oggi la scienza e la tecnologia mettono a disposizione solo nei più grandi centri internazionali di genetica.

Il test GeneFood contempla uno studio mirato alle sole mutazioni genetiche sulla cui responsabilità dell’insorgenza di errori del metabolismo vi è univoca e concorde opinione da parte di tutta la letteratura scientifica. Si è evitato di inserire decine e decine di altri errori genetici talvolta riportati in altri test, per i quali non vi è certezza sulla loro reale responsabilità patogenetica, che possono generare dubbi e inutili preoccupazioni.

Il test va ad indagare la predisposizione ai dismetabolismi:

glicemico che si associa a: iperglicemia, diabete, intolleranza ai glicidi

lipidico che si associa a: ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia, iperlipemia, obesità, ecc

protidico limitatamente ad una parte della predisposizione all’aumento degli acidi urici che possono portare alla gotta

Il test contempla uno studio mirato alle sole mutazioni genetiche sulla cui responsabilità dell’insorgenza di errori del metabolismo vi è univoca e concorde opinione da parte di tutta la letteratura scientifica. Si è evitato di inserire decine e decine di altre mutazioni genetiche, (talvolta riportate in altri test commerciali), per i quali non vi è certezza sulla loro reale responsabilità patogenetica. E’ infatti importante non generare dubbi e inutili preoccupazioni.

Questo test rappresenta un utilissimo strumento ai fini del tuo benessere. Va però sottolineato che, non è una dieta, non sostituisce il parere del medico e non fornisce indicazioni cliniche. I risultati ed i consigli emersi devono essere valutati ed approvati alla luce della storia personale su verifica del medico curante.

N.B. Per quanto attiene l’elenco degli alimenti di seguito riportati va sottolineato che è redatto in base al riscontro della predisposizione genetica agli errori del metabolismo individuata. Null’altro aggiunge alla valutazione complessiva del comportamento alimentare del soggetto che può essere orientato sulla base di diverse condizioni personali.